Breve storia dei “Cappuccini”, da 125 anni al servizio dei più deboli.

L’attività della Casa di Riposo “Regina Margherita” è iniziata il 1° settembre 1887, a seguito della istituzione dell’Asilo di mendicità “Regina Margherita” da parte del consiglio Comunale di Barletta il 30 gennaio 1885, eretto poi in Corpo morale con Regio decreto del 1° aprile 1886, ospitato presso l’ex convento dei Cappuccini della Chiesa della Madonna degli Angeli a Barletta.
Intorno agli anni 30 del novecento la struttura diventò sede della Scuola Arti e Mestieri, un collegio dove ragazzi fino ai 15/16 anni di età, appartenenti a famiglie disagiate oppure orfani, imparavano il lavoro di falegname, tipografo, elettricista, etc. propedeutici alla Scuola dell’Avviamento professionale, attività che cessò verso la fine del secondo conflitto mondiale.
Con Decreto presidenziale del 15 luglio 1978, l’Ente assunse la denominazione di “Casa di Riposo Regina Margherita”. Negli anni ‘80 fu data migliore funzionalità ed organizzazione alle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza (I.P.A.B.), istituite con la legge “Crispi” n. 6972 del 17/07/1890.
Negli anni 2000 a seguito della riforma del Titolo V della Costituzione, con l’entrata in vigore della Legge regionale n.15/2004 l’IPAB si è trasformata in Azienda pubblica di Servizi alla Persona (A.S.P.), giusta Determina del Dirigente del Servizio Sistema Integrato Servizi Sociali della Regione Puglia n. 135 del 12 marzo 2009.

Organigramma
Carta dei servizi
Statuto ASP Regina Margherita Barletta
Regolamenti